Progetto Carbon, si delinea l’assetto urbanistico dell’area

progetto carbon 2' di lettura 22/05/2009 - Proseguono a pieno ritmo le attività progettuali e amministrative per accedere ai finanziamenti pubblici per la riconversione dell’area Carbon. In vista dell’appuntamento in programma al Ministero per lo Sviluppo Economico a Roma per mercoledì 27 maggio, ieri pomeriggio a palazzo San Filippo si è nuovamente riunito al completo il Tavolo tecnico per monitorare lo stato degli elaborati progettuali la cui consegna, come noto, dovrà avvenire entro il 31 maggio .

Alla riunione erano presenti il presidente della Provincia Massimo Rossi, Cesare Corona direttore dello stabilimento Carbon, il direttore generale della Svim (la società di sviluppo della Regione) Francesco Marchesi, il prof. Umberto Cao e l’arch. Ludovico Romani dell’Unicam, Ennio Pennacchioni della Regione Marche, Gianni Della Casa, rappresentante dell’UPI presso il Ministero dello Sviluppo Economico, i dirigenti dei Servizi Politiche Comunitarie, Ambiente, Urbanistica della Provincia Giampaolo Paoletti, Roberto Fausti e Ivano Pignoloni, il dirigente del settore Urbanistica del Comune di Ascoli Piceno Cristoforo Everard Weldon accompagnato dai tecnici comunali Ugo Galanti e Enrica Petrucci, Alessandro Traini dello staff del PRG comunale, Marco De Vecchis e Fabrizio Luciani della Partner, Roberto Bedini ed Emidio Andreani di Tecnomarche.

Il prof Cao ha brevemente illustrato il progetto preliminare degli interventi pubblici di infrastrutturazione a cui ha lavorato l’Università di Camerino in raccordo con gli Uffici tecnici del Comune. In sintesi vengono previste tre grandi direttrici di assetto urbanistico: l’area oggetto dell’intervento più profondo di bonifica che vedrà grandi spazi di verde attrezzato, il polo scientifico e tecnologico, costituito da moduli di vetro con tecnologia raffinata ma semplice e funzionale, e due aree residenziali: una prospiciente il polo, caratterizzata da abitazioni con tecnologie sperimentali di risparmio energetico e sostenibilità, l’altra collegata al contesto urbanistico del Pennile di Sotto. Nella progettazione è anche prevista una grande piazza con lastricato pedonale che potrebbe costituire uno spazio importante al servizio dei momenti aggregativi della città e del territorio.

L’obbiettivo finale - ha sottolineato il presidente Rossi – è rispettare le tappe del cronoprogramma che prevede la firma dell’accordo di programma entro il 31 dicembre 2009 e la partenza dei primi cantieri entro il 2010. Predisporremo – ha aggiunto Rossi – una delibera di Giunta che accompagnerà la consegna degli elaborati progettuali”.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-05-2009 alle 17:09 sul giornale del 22 maggio 2009 - 1033 letture

In questo articolo si parla di politica, ascoli piceno, provincia di ascoli piceno





logoEV