Porto d’Ascoli: ucraina trovata morta dopo due giorni

ambulanza 1' di lettura 07/10/2008 - Il cadavere di una giovane donna ucraina è stato rinvenuto nel suo alloggio ricavato da un garage di via Cavalieri di Vittorio Veneto.

Il rinvenimento del cadavere è avvenuto nel pomeriggio di ieri. La donna è stata trovata accanto al letto sistemato sul soppalco del garage. Ad un primo esame, sembra che sul corpo della venticinquenne, prostituta, non sarebbero state trovate lesioni da far ipotizzare una morte violenta.

Sembra trattarsi di una morte per cause naturali, che potrebbe risalire a circa due giorni fa, ma le autorità sanitarie hanno preferito informare le forze dell’ordine, poiché nel piccolo appartamentino sono state rilevate tracce che sono all’esame dei carabinieri e del medico legale dottor Claudio Cacaci, incaricato dalla procura della Repubblica di Ascoli.

A creare sospetti la confusione trovata nel monolocale. Un ferro da stiro sul pavimento, tracce di sangue dietro uno stendino rovesciato sul pavimento, tracce di sangue anche nel lavandino, liquidi strani in un bicchiere.





Questo è un articolo pubblicato il 07-10-2008 alle 01:01 sul giornale del 06 ottobre 2008 - 1146 letture

In questo articolo si parla di cronaca, michele pinto, carabinieri, ambulanza, porto d\'ascoli