Canoni demaniali, il Comune sollecita l\'assegnazione delle aree

giovanni Gaspari 22/09/2008 - Canoni demaniali: il Comune sollecita l\'assegnazione delle aree. Insieme alle società sportive si punta alla transazione sul pregresso.

Riduzione sul pregresso e acquisizione delle aree. Sono le due strategie che il Comune di San Benedetto del Tronto e le associazioni sportive intendono perseguire, svolgendo ognuno il proprio ruolo. È quanto deciso durante una riunione che si è svolta venerdì 19 settembre presso la sala giunta del Comune, alla quale hanno preso parte il sindaco Gaspari, i dirigenti comunali Rosati (settore Gestione delle risorse) e Polidori (settore Sviluppo del territorio), funzionari comunali, i tributaristi prof. Claudio Angelone e prof. Lorenzo Del Federico, i rappresentanti di alcune delle società coinvolte: Giuseppe Ricci per il comitato di gestione della pista di pattinaggio, Pierluigi Tassotti per il circolo tennis \"Maggioni\", esponenti della bocciofila.



Riunione durante la quale è stata condotta una lunga ed approfondita discussione sul tema delle somme richieste nelle scorse settimane dall\'Agenzia del Demanio a titolo di canone \"pregresso\". Su questo punto, ebbene, Comune e associazioni punteranno nei prossimi giorni ad Ancona ad una \"transazione\". Si ritiene si possa arrivare ad una riduzione tra il 10 e il 50% di quanto richiesto dall\'Agenzia. Tenuto conto, oltretutto, che l\'annoso procedimento per l\'assegnazione delle aree a titolo gratuito al Comune di San Benedetto è tuttora in corso (la prossima udienza è per il 9 luglio 2009 al Tar delle Marche), e in base ad alcuni precedenti pronunciamenti giurisprudenziali sembrerebbero doversi concludere a favore dell\'ente comunale, visto il decreto legislativo n. 6 del \'98 e la legge 61 dello stesso anno.



Aree strategiche per il Comune, secondo il sindaco Gaspari, che il Comune ha grande interesse ad acquisire. E in attesa del pronunciamento dei giudici amministrativi, il Comune chiede la gestione delle aree dietro pagamento di un canone simbolico, che poi verrebbe ripartito tra le associazioni. Le quali, si è ribadito nel corso della riunione, sono tutte \"no-profit\", dal momento che svolgono attività di valenza sportiva, sociale e culturale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-09-2008 alle 01:01 sul giornale del 22 settembre 2008 - 1057 letture

In questo articolo si parla di attualità, san benedetto del tronto, giovanni gaspari, Comune di San Benedetto del Tronto